Via Antiniana, 2i - 80078 - Pozzuoli (Na)
+39.081.526.9325
+39.081.196.88396

Metodologia DevOps: focus su trend e crescita del mercato globale

Il termine deriva dall’unione di Development e Operations. La filosofia DevOps rappresenta un insieme di idee e procedure che si basano su sicurezza, collaborazione, analisi dei dati ed altri aspetti che troverete descritti in questo articolo.

Cos’è l’approccio DevOps?

La metodologia DevOps non è altro che l’approccio da adottare per accelerare i processi che consentono a un’idea (come una nuova caratteristica software, una richiesta di miglioramento o un bug fix) di passare dallo sviluppo al deployment in un ambiente di produzione dove può fornire valore all’utente.

In passato c’erano diversi team  e ad ognuno veniva assegnata una piccola responsabilità e venivano raccolti eventuali errori e/o incoerenze riscontrate per poi inviarle al responsabile che smistava nuovamente al team di sviluppo. Ad oggi il processo è diventato più rapido, le incoerenze e gli errori vengono subito smarcati.

Secondo il modello DevOps, i team dedicati a sviluppo e produzione non agiscono più separatamente. In alcuni casi, al contrario, i due team di Operatori e Sviluppatori vengono fusi in un’unica unità in cui i tecnici sono attivi lungo tutto il ciclo di vita dell’applicazione, dallo sviluppo e testing a distribuzione e produzione e acquisiscono una serie di competenze non limitate da una singola funzione.

Perché l’approccio DevOps è importante?

Il software e Internet sono fattori che hanno cambiato il mondo e la sua economia  a partire dallo shopping, dall’intrattenimento e dal settore bancario. Il software non è più solo un supporto per il business ma è diventato un componente integrante di qualsiasi organizzazione. Le aziende interagiscono con i loro clienti tramite prodotti software sotto forma di applicazioni o servizi online di cui è possibile usufruire su molti dispositivi differenti. Spesso le aziende impiegano altri prodotti software per migliorare l’efficienza operativa apportando trasformazioni a qualsiasi anello della catena di valore, ad esempio logistica, comunicazioni e operazioni. Le aziende di oggi, quindi, devono trasformare il modo in cui creano e distribuiscono il loro software, allo stesso modo in cui le industrie che creano beni materiali hanno trasformato, nel corso del XX secolo, il modo in cui progettavano, creavano e distribuivano i loro prodotti attraverso l’automazione industriale.

La cultura aziendale DevOps

La transizione verso l’approccio DevOps richiede un’evoluzione di mentalità e cultura aziendali. In poche parole, un modello DevOps punta alla rimozione delle barriere tra due team che in genere non comunicano tra loro, gli sviluppatori e il team operativo.

In alcune organizzazioni i due gruppi potranno addirittura essere fusi in un’unica unità, in cui i tecnici potranno occuparsi di tutto. Nell’approccio DevOps, i due team collaborano a stretto contatto per ottimizzare sia la produttività degli sviluppatori sia l’affidabilità delle operazioni.

Tendono a comunicare con maggiore frequenza per ottenere maggiore efficienza e migliorare la qualità dei servizi che forniscono ai clienti. Mantengono sempre il controllo sui propri servizi, spesso oltre la definizione tradizionale del loro ruolo, perché sono concentrati sulle esigenze del cliente finale e desiderano contribuire a soddisfare tali esigenze.

Anche i team dedicati a controllo della qualità e sicurezza spesso sono coinvolti più direttamente nei compiti di questi team. Le aziende che adottano un modello DevOps, indipendentemente dalla loro struttura organizzativa, dispongono di team che annoverano tra le loro responsabilità il controllo dell’intero ciclo di vita di sviluppo e infrastruttura.

Tale metodologia  è un approccio alla cultura, ai processi e agli strumenti per fornire maggiore valore aziendale e reattività attraverso l’erogazione di servizi IT automatizzati, rapidi, iterativi, self-service e di alta qualità. Tali approcci richiedono una comunicazione frequente tra i team operativi e quelli di sviluppo.

Inoltre, il lavoro all’interno di ciascun team deve essere incentrato su un rapporto di empatia tra colleghi. Sono necessari anche scalabilità e provisioning flessibile. Gli sviluppatori, che solitamente creano codici in un ambiente di sviluppo standard, lavorano a stretto contatto con il personale IT operativo per velocizzare le fasi di creazione, test e rilascio dei software senza rinunciare all’affidabilità.

Naturalmente, tutto questo impone modifiche più frequenti al codice e un utilizzo più dinamico dell’infrastruttura. Queste esigenze non possono essere tuttavia soddisfatte dalle strategie di gestione tradizionali e, per ottenere un vantaggio concreto, è necessario introdurre alcuni cambiamenti.

La metodologia DevOps applica principi e pratiche open source come:

  • Cultura della collaborazione che valorizza l’apertura e la trasparenza.
  • Automazione del processo dallo sviluppo alle operazioni in corso.
  • Adozione di tecnologie provenienti da comunità di sviluppo innovative.

 


Quota di Mercato

Il mercato globale registra un trend in ascesa, con un ritmo considerevole tra il 2021 e il 2025.

Nel 2021, il mercato stava crescendo ad un ritmo costante ma con l’adozione crescente di strategie di giocatori chiave, il mercato è previsto ben oltre l’orizzonte proiettato.

Il rapporto globale Sviluppo di Operations (DevOps) mercato 2021 offre un ampio quadro del settore nel periodo di previsione. La ricerca copre una vasta gamma di argomenti, nonché un esame approfondito degli sviluppi e dei fattori chiave del mercato. Questi fattori, noti anche come le dinamiche di mercato, includono driver principali, vincoli, opportunità e minacce, che vengono utilizzati per riassumere l’impatto di questi fattori sul mercato.

La crescita della cultura DevOps

La metodologia DevOps, quindi, in poche parole, è l’integrazione di Sviluppo (Dev) e Operazione (Ops), che creano un processo cooperativo.

Secondo IDC, il mercato DevOps raggiungerà $ 8 miliardi entro il 2022 e un altro rapporto di Grand View Research parla di circa $ 13 miliardi entro il 2025. Tutto ciò, chiaramente, suscita un forte  interesse da parte delle aziende.

Un altro driver che contribuisce a questo cambiamento è la crescita del cloud. Secondo le previsioni di Oracle, entro il 2025  l’80% delle soluzioni IT passerà al cloud.

La metodologia  richiede che vengano provate nuove tecnologie. Recenti ricerche del DevOps Institute hanno dimostrato che il 55% degli intervistati preferisce avere il team DevOps interno alla propria organizzazione. Sfortunatamente, molte aziende non hanno all’interno le competenze necessarie e hanno dei vincoli di budget che non rende possibile assumere nuove risorse. Una possibilità è quello di creare delle università interne.

È quello che per esempio ha fatto la celebre società di spedizioni FedEx. Il CIO dell’azienda, sapendo di non avere le competenze interne sufficienti all’interno del team di ingegneri, ha deciso di creare il “FedEx Cloud Dojo”, che insegna ai suoi stessi ingegneri lo sviluppo software moderno e tecnologie e funzioni come un’università per FedEx. L’università ha formato più di 2.500 programmatori software.

Con una crescita del mercato compresa tra il 40 e il 45% circa negli ultimi cinque anni, la domanda di DevOps dovrebbe aumentare ulteriormente.

Articoli Correlati